Foto Instagram
22 Marzo 2017  By Marta Raimo  My Origami / Ops / Suggerimenti

Come scattare ed editare belle foto per Instagram: i miei “segreti”

Spesso mi viene chiesto quali filtri utilizzi per migliorare le foto dei miei origami e postarle sui social network o, comunque, di quali criteri mi avvalga per conferire alle mie composizioni un aspetto più appealling (per non dire accattivante che però è un aggettivo che odio).

Come tutti saprete, almeno chi utilizza Instagram, per far sì che una foto abbia il successo sperato è fondamentale rispettare alcuni parametri estetici. Inutile girarci intorno, lo scatto perfetto in natura non esiste, DEVE necessariamente subire dei ritocchini affinché piaccia alla community. Chi di voi utilizza quotidianamente Instagram avrà imparato a capire quali siano le foto che riscuotono maggiore successo, ma se per caso vi fosse sfuggito, riepilogo di seguito le caratteristiche fondamentali:

  • luminosità
  • colori chiari e tendenti al freddo
  • assenza di prospettiva (o quasi)

Da un po’ di anni a questa parte sono molto di moda le foto flat, ovvero, piatte. In principio fu Pinterest ad accrescerne la popolarità, successivamente questa tendenza si è diffusa anche su Instagram. Questi criteri valgono per qualunque soggetto decidiate di fotografare, non solo per gli origami.

Come scattare belle foto per Instagram?

In base alla mia esperienza, soprattutto quando si tratta di dover fotografare oggetti inanimati, è bene dotarsi di uno sfondo omogeneo e molto chiaro (un cartoncino bianco è perfetto). Fatto questo, siete già a metà dell’opera.

Inizialmente, scattavo foto ai miei origami appoggiandoli dove capitava: scrivania, tavolo, pavimento:

Tutorial Origami Facili

Il mio feed non aveva un colore predominante o un mood ben definito. Male, molto male, sarebbe meglio rimanere fedeli a uno stile ben definito. Come dicevo, guardando anche gli altri profili, si può facilmente evincere che le foto più belle e “popolari” siano predominate dai colori pastello e da tanta luce. I colori caldi o gli scatti troppo saturi non sono Instagram friendly. Ecco perché, anche nelle mie foto, spesso le ombre sono ridotte al minimo. Poi, quando è possibile, cerco di dividere gli scatti in terzine utilizzando un criterio cromatico. Per esempio, pubblico 3 foto che abbiano uno o più dettagli rosa, poi 3 foto che abbiano uno o più dettagli azzurri e così via. Un po’ come se i colori raccontassero di volta in volta una storia.

Instagram Origamate

Come scatto le mie foto 

Nella pratica, quando decido di scattare una foto ai miei origami mi posiziono davanti a una delle quattro finestre di casa per sfruttare al massimo la luce (non avendo a disposizione dei faretti) stando però attenta a non esporre gli origami al sole diretto altrimenti la foto verrà troppo satura e piena di ombre. Dopodiché stendo a terra un foglio di cartoncino bianco o avorio e lo fermo con dei pezzettini di scotch agli angoli. Posiziono gli origami ed eventuali altri oggetti al centro:

Editing Foto per Instagram

Naturalmente, ci vuole anche un po’ d’occhio per riuscire ad abbinare bene i colori. A questo punto, cerco di tenere il telefono (sì, le foto le scatto con il mio iPhone) perpendicolare alla composizione e soprattutto dritto. Più la foto iniziale è “buona” e meno dovrà essere ritoccata, come si suol dire “chi ben comincia è a metà dell’opera”. Solitamente, scatto la foto mettendomi abbastanza lontana così che abbia un po’ di margine di manovra in fase di editing qualora voglia tagliarla o zoomarla. Inutile dirvi che per ottenere un’immagine che mi soddisfi scatto decine di foto, solitamente TUTTE uguali, solo un occhio esperto potrebbe accorgersi delle differenze 😉

Una volta individuati i 3 scatti che mi piacciono di più procedo con l’editing. Ora, io lo so che esistono taaaantissime app adatte allo scopo, le migliori ovviamente sono a pagamento, come: VSCO, AfterLight, Retouch, PicTapGo e chi più ne ha più ne metta. Tra quelle free mi sento di consigliarvi Snapseed che io utilizzo molto di frequente. Queste app fanno praticamente di tutto (come direbbe mia nonna “anche il caffè”) però vi assicuro che se la foto è già buona vi basterà ritoccarla pochissimo. 

Quali filtri uso

Anni fa, quando ero giovane e ingenua, ovvero quando hanno inventato Instagram, i miei filtri preferiti erano: Valencia, Juno e Lo-Fi. Solo dopo ho capito che è meglio NON USARE I FILTRI preimpostati,  ma semplicemente ritoccare la foto con qualche app oppure solo con gli strumenti offerti dall’opzione “Modifica” di Instagram. In questo modo, a seconda del tipo di scatto, è possibile ritoccare la luminosità, il contrasto, la saturazione, le ombre ecc.

Solitamente, io intervengo su:

  • luminosità (la aumento)
  • contrasto
  • calore
  • ombre
  • alte luci (a volte)
  • nitidezza (raro)

Filtri Instagram

Inoltre, se è necessario, raddrizzo il mio scatto con lo strumento offerto da Instagram o anche dalle altre App sopra citate. Naturalmente, tutto è soggettivo, non dovete per forza farvi piacere i colori chiari o le tonalità fredde, l’importante è che troviate un mood che vi contraddistingua. Vi assicuro che mano a mano ci si prende la mano, anzi, l’occhio.

Alla fine, dopo aver editato le mie 3 foto preferite, ne scelgo una. Questa fase mi porta via parecchio tempo e spesso non so davvero decidermi. Quando mi capita, chiudo tutto, faccio altro per circa 15 o 20 minuti e poi riapro le foto. Di solito funziona, riesco a scegliere la migliore! 

Quando, invece, fotografo una delle mie colazioni scelgo sempre un tavolino ben illuminato e possibilmente di colore chiaro, per il resto i criteri rimangono invariati.

Credo di avervi detto tutto ma se aveste altre domande fatevi avanti!

Beh?! Ma che ci fate ancora qui? Andate subito a dare un’occhiata al mio profilo Instagram 😉

Comments (2)

Francesco

Settembre 5, 2017 by Francesco

piccolo trattato teorico-pratico, forse sarebbe stato utile anche a Leonardo, perché no? Ogn’ arte e ogni tecnica ha il suo tempo, ma se solo si potesse superarlo, chissà?

    Marta Raimo

    Settembre 8, 2017 by Marta Raimo

    Chissà, magari se avesse potuto anche Leonardo avrebbe utilizzato Instagram per veicolare le sue idee geniali e di sicuro qualche consiglio su come rendere le foto più accattivanti gli sarebbe stato utile ahahahahha.

Leave a comment

Your email address will not be published.Field is required

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>